Casa

Nao, il robot domestico che taglia la bolletta e rende la casa sicura

dall’enea

Una casa sempre più smart. Con il robot domestico che suggerisce come risparmiare e ridurre le bollette e allo stesso tempo riesce a monitorare salute e sicurezza.

di Davide Madeddu

default onloading pic

1′ di lettura

È stato battezzato con il nome di Nao, il robot “domestico” ideato dai ricercatori dell’Enea (e presentato a Ecomondo, la fiera internazionale della sostenibilità di Rimini) che attraverso un sistema di sensori sistemati all’interno dell’abitazione e alle due telecamere di cui è dotato, è in grado di controllare gli ambienti e di ‘comunicare’ eventuali malfunzionamenti dei sistemi elettrici, termici o perdite d’acqua e di gas, in collegamento all’impianto domotico. Controllo che si estende anche al risparmio energetico e alla sicurezza.

Attraverso i sensori «c’è la possibilità di monitorare i consumi». Non solo, una delle altre capacità è quella di «segnalare effrazioni alla sicurezza e controllare le condizioni di salute delle persone all’interno delle abitazioni». Gli esperti indicano anche un’applicazione concreta. Si tratta dell’iniziativa avviata nel quartiere romano di Centocelle: «Nelle case di 10 famiglie – spiegano dall’Enea – sono stati installati sensori e un’interfaccia sullo smartphone, che hanno permesso di interagire con i sistemi domotici e di tenere sotto controllo consumi elettrici e termici».

Quanto al campo d’azione, il panorama è ampio. «I modelli smart messi a punto – sottolinea Mauro Annunziato, responsabile della divisione Smart Energy dell’Enea – intervengono su tutti i livelli, dalla singola abitazione, agli edifici fino all’intero contesto urbano». C’è poi l’applicazione estesa alle città. «Alla base della smart city – prosegue -c’è un sistema di sensori e interfacce che permettono l’interconnessione di reti di illuminazione pubblica, trasporti ed edifici. Questi nuovi servizi consentono di migliorare la qualità della vita e di rendere la città più sostenibile inclusiva e sicura».

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *