Casa

Ecco come 2.600 talenti immaginano il nostro futuro: il meglio della Dutch Design Week

La divertente “The Office Jungle”, struttura geodetica che cerca di trasformare la monotonia dell’ufficio in un momento gioioso e sensoriale

Interessanti le sperimentazioni sul tema della riappropriazione di spazi fisici in un mondo che vive il paradosso di essere iperconnesso dai social ma in modo virtuale. Come Chairwave dello Studio Vouw, intrigante sistema di sedie a scomparsa posizionate in spazi pubblici, che si abbassano e si illuminano in modo da stimolare l’interazione reale tra estranei. Ma anche come la divertente The Office Jungle di Ingmar Nieuweboer, struttura geodetica che cerca di trasformare la monotonia dell’ufficio in un momento giocoso, sensoriale e soprattutto sociale.

Sound of a Smart Home, progetto di bachelor della giovanissima Eva van der Born: un oggetto che “raccoglie” i big data degli oggetti di una smart home connessi tra loro, trasformandoli in suoni.

Come trasformare i big data che dominano le nostre vite in materiali? Sfida affascinante alla quale ha cercato di rispondere per esempio il progetto Suslib, di Amir Houieh e Martijn de Heer, esplorazione di come lo spazio fisico di una biblioteca può incoraggiare la condivisione di conoscenza virtuale. Ma anche Sound of a Smart Home, progetto di bachelor della giovanissima Eva van der Born: un oggetto in grado di “raccogliere” tutti i big data degli oggetti di una smart home che dialogano tra loro, trasformandoli in suoni sempre differenti.

La mostra di Isola Design District, “costola” del Fuorisalone, con 35 designer riuniti nel grande open space della Pennings Foundation.

Il potere della collaborazione tra culture e discipline differenti è stato invece esplorato tra gli altri da Collaboration O, collettiva di 12 tra artisti e designer, ma anche da Isola Design District, costola del Fuorisalone nata per promuovere nuovi volti del distretto milanese: a Eindhoven ha portato una mostra coi lavori di 35 designer.

Il progetto di inclusive design See-eat-through di Aurore Brard, già presente alla Design Week milanese dell’anno scorso: posate rese riconoscibili ai non vedenti grazie alle forme dell’impugnatura

Sul versante dell’inclusive design, molto interessante il progetto See-eat-through, set da tavola disegnato da Aurore Brard (designer già presente alla rassegna milanese dell’anno scorso) per chi ha enormi problemi di vista: il bicchiere, per esempio, rende visibile il livello dell’acqua versata grazie al contrasto creato dal colore del calice, mentre le impugnature delle posate ricalcano le diverse forme di cucchiai, forchette e coltelli.

Colette Aliman, designer newyorkese allieva della Design Academy Eindhoven, con il suo progetto di master, The Mechaphony.

La colossale ex fabbrica di prodotti caseari Campina ha invece ospitato le opere di bachelor e master della Design Academy Eindhoven, nata nel lontano 1955, celebre per il suo approccio non convenzionale e interdisciplinare. Tra gli oltre 180 lavori esposti meritano un cenno il The Mechaphony della newyorchese Colette Aliman, opera di design contestuale che esplora il rapporto tra l’uomo e il suono, ma anche il social design di Microbial Self, ingegnosa serie di maschere ideate dall’austriaca Valerie Daude per misurare la quantità di microrganismi presenti nel nostro corpo illuminandosi di conseguenza.

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *