Casa

Arredi in plastica, il futuro tra bio e riciclo

Duna 02 di Lievore Altherr Molina per Arper: riedizione del modello del 2014 con scocca in materiale riciclato

Nel campo dei polimeri di origine vegetale non mancano progetti più arditi. Lo studio Carlo Ratti Associati ha presentato con Eni Feel The Peel, una macchina spremi arance itinerante: attraverso l’essiccazione, la macinazione e la miscelazione con acido polilattico delle bucce, le trasforma nella bioplastica che la stampante 3D integrata utilizza per produrre i bicchieri per nuove spremute.

Viviamo in un momento storico in cui la plastica sembra essere il nemico numero uno, o come minimo una colpa da trasformare e capovolgere come nell’iniziativa GuiltLess Plastic della galleria milanese Rossana Orlandi all’interno della quale dal 2019 vengono premiati i migliori progetti di riutilizzo degli scarti plastici, come Substantial Furniture Line di Alexander Schul, vincitore nella categoria “design”: arredi termoformati a partire dal polistirene antiurto recuperato e pressato in fogli.

Una delle grandi mistificazioni che riguarda la plastica è che è tutta uguale. Lo spiega bene il designer Jacopo Foggini che lavora esclusivamente con metacrilato e policarbonato, con il quale ha progettato per Edra le sedie Ella, Gina, Gilda, oltre a numerosi altri oggetti e arredi fantastici: «Stiamo parlando di materiali completamente riciclabili. Il mio fornitore a Varese recupera la materia base da varie fonti come vecchi giocattoli. È un derivato del petrolio che si può riutilizzare decine di anni».

N02 Recycle di Nendo per Fritz Hansen, sedia con scocca in polipropilene riciclato

È invece in polipropilene riciclato la scocca della sedia N02 disegnata da Nendo per il marchio danese Fritz Hansen, che, come spiega Oki Sato dello studio giapponese, enfatizza la circolarità: «L’origine del materiale, ovvero il fatto di essere generato da bottiglie e contenitori di plastica di uso quotidiano in ambito domestico, è un elemento di connessione tra la sedia e chi la usa».

La sedia impilabile On & On di Barber & Osgerby per Emeco si affida a un principio analogo: è riciclabile “on and on”, essendo realizzata per il 70% da rPet (recycled Pet), un materiale che Emeco conosce dal 2010, da quando ricreò in plastica la sua iconica 111 Navy Chair in alluminio.

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *